TUTTI GLI ARTICOLI  >  Cloud Transformation

Cloud Computing: 7 trend da tenere d'occhio per il 2019

20 febbraio 2019 / Di Luca Dozio / Nessun commento

Quali sono i principali trend evolutivi del mercato Cloud a livello globale? In seguito ad un'analisi svolta su un significativo numero di fonti secondarie internazionali, l'Osservatorio Cloud Transformation ha individuato quelli che sono i 7 trend di mercato più importanti nel 2019 per il mondo del Cloud Computing.

 

Li presentiamo qui di seguito, nell’ordine di diffusione individuato nelle fonti internazionali analizzate e in base alle priorità emerse dal confronto con C-level e manager di grandi imprese operanti in Italia.

 

1. Hybrid & Multi Cloud

Parliamo dell’evoluzione delle aziende verso un ecosistema IT non solo ibrido tra la nuvola e i sistemi on-premises, ma che si avvale anche di Cloud pubblici di provider diversi.

Questo trend ha forti impatti sul mondo dell’offerta Cloud perché è legato al tema della portabilità e degli standard, elemento di sensibilità per i grandi Cloud provider che attraverso questi ultimi cercano di garantirsi un vantaggio competitivo sul mercato. La crescente domanda di ambienti Hybrid e Multi Cloud porterà dunque a un necessario ripensamento di queste logiche. Inoltre, questo trend accresce la complessità dei Sistemi Informativi delle imprese che quindi percepiscono l’urgenza di creare uno strato di governance di questi ambienti, a partire dal layer tecnologico di orchestrazione, per poi modificare processi, organizzazione e competenze della Direzione IT.

 Vai al Webinar

 

2. Edge Computing

Con quest'espressione intendiamo la distribuzione e decentralizzazione del Sistema Informativo con l’obiettivo di cogliere al meglio le opportunità legate ai dati provenienti dagli oggetti connessi (è il caso dell’Internet of Things). Il Cloud e in particolare il PaaS rappresentano un elemento tecnologico abilitante dove è possibile creare una piattaforma IoT tramite strumenti pre-configurati, che permettono di connettere gli asset fisici e di gestire il flusso di dati in real-time.

L’Edge Computing è un ulteriore passo in avanti per cui non si sfrutta solo l’intelligenza nella nuvola per processare i dati provenienti dagli oggetti connessi, ma si utilizza anche l’intelligenza periferica più vicina alla sorgente dei dati stessi. Si tratta di comporre le capacità di processing dei dati nel Cloud con quelle di punti di elaborazione in locale (device o datacenter), creando un ecosistema ibrido in cui, a seconda dei tempi di risposta necessari, della tipologia di dato da manipolare e della complessità dell’analisi da processare, si decide dove questa debba essere realizzata.

 

3. Intelligent Cloud

Qui la nuvola si rende piattaforma end-to-end per lo sviluppo e l’erogazione di algoritmi di Machine Learning e Artificial Intelligence. I dati disponibili per le imprese crescono a ritmo esponenziale, sono più accessibili e incorporano enormi potenzialità d’applicazione. I servizi Cloud che li immagazzinano e processano continuano ad ampliarsi e arricchirsi di funzionalità, compresa l’abilità di trasformare il dato in azione.

Grazie al Cloud, le aziende possono accedere a queste tecnologie avanzate con tempi e costi accettabili, avvalendosi di competenze tecniche esterne e dunque potendosi concentrare esclusivamente sugli effettivi benefici di business derivanti dalla loro adozione. Nell’ambito dell’Artificial Intelligence, la disponibilità di algoritmi pre-istruiti, fruibili in modalità as a service, rappresenta un’opportunità unica per innovare prodotti e servizi consentendo di sfruttare economie di scala nell’apprendimento sui dati.

 

4. PaaS & architetture Cloud Native

Ovvero lo spostamento del mercato Cloud verso lo stack di piattaforma e l’impatto della nuvola sulla progettazione delle applicazioni. Si tratta di una nuova ondata di migrazione in cui si è passati dal Lift & Shift infrastrutturale al Refactoring, cioè la riprogettazione totale delle applicazioni con l’obiettivo di cogliere appieno i vantaggi del Cloud.

Qui entrano in gioco le architetture applicative Cloud Native, come microservizi, Serverless e Container, ovvero le logiche di progettazione applicativa tipiche dei servizi Cloud, votate a modularità, scalabilità e standardizzazione. Questo tipo di architetture permette non solo di adattare al meglio le applicazioni al modello as a service, ma anche di ottenere una maggiore visibilità ed efficienza nel gestire le risorse applicative on-premises. Gli ambienti di sviluppo in PaaS (Platform as a Service) sono pensati per realizzare applicazioni custom in Cloud utilizzando questi paradigmi architetturali, al fine di incrementare le performance delle attività di sviluppo in azienda. La maggiore domanda di customizzazione nel Cloud porta il PaaS ad avere ritmi di crescita molto elevati e a essere ormai il cuore della competizione nel mercato dell’offerta.

 

5. Cloud culture & organization

Questo trend cloud riguarda il cambiamento strutturale che stanno vivendo le Direzioni IT aziendali per abbracciare la Cloud Transformation. Si tratta di una vera e propria rivoluzione che tocca ruoli professionali, modelli organizzativi e competenze. Una Direzione IT che cambia pelle, che amplia le proprie competenze tecniche per gestire Sistemi Informativi sempre più complessi e distribuiti, ma che si arricchisce anche di competenze “soft” con l’obiettivo di essere più vicina alle esigenze del business.

Da qui l’esigenza di introdurre nuove figure professionali, come il Cloud Security Specialist e il Cloud Architect, e in alcuni casi di creare anche dei veri e propri centri di competenza dedicati alla gestione della nuvola, per guidarne l’introduzione in azienda. Per gestire la Cloud Transformation, le imprese devono quindi da un lato essere in grado di riqualificare il proprio staff verso nuovi modelli operativi e dall’altro di comprendere le caratteristiche delle nuove professionalità cloud-centriche verso le quali devono rendersi attrattive.

 

6. Security & Cyberintelligence

Tema caldo per le strategie informatiche soprattutto da quando il nuovo regolamento europeo sulla protezione dei dati personali (GDPR – General Data Protection Regulation) è entrato in vigore e si è reso effettivamente applicabile. Si tratta di un trend legato a quelli precedenti, poiché nel governo di ambienti Hybrid e Multi Cloud la sicurezza è un tassello chiave.

È necessario aggiornare processi e strumenti per poterla gestire con continuità lungo tutto l’ecosistema IT aziendale, per esempio attraverso una robusta gestione delle identità. Al crescere della complessità dei Sistemi Informativi, la sicurezza diventa un tema sempre più urgente da gestire e dunque anche gli attori della filiera dell’offerta Cloud ne fanno un focus strategico, utilizzando la crescente mole di dati relativi ad esperienze di attacco a loro disposizione per fornire servizi di Security proattivi. Questo è il trend della Cyberintelligence, che nel tempo potrà rendere la sicurezza una spinta e non una barriera all’utilizzo dei servizi Cloud.

 

7. Agile, DevOps & IT Automation

Ovvero la necessità di aumentare la produttività dello sviluppo e del rilascio delle applicazioni per rendere l’azienda più efficace nel rispondere ai cambiamenti. Le metodologie Agile nascono per la gestione dei progetti di sviluppo applicativo, a cui impongono un approccio iterativo ed incrementale caratterizzato da frequenti rilasci di porzioni di software funzionante, focalizzando lo sforzo sulle effettive priorità e raccogliendo continuamente feedback da parte degli utenti.

In campo IT, le metodologie Agile trovano nel Cloud un elemento tecnologico abilitante proprio per quanto già emerso relativamente al Platform as a Service, che supporta il miglioramento della produttività ed efficacia delle attività di sviluppo applicativo e permette di utilizzare strumenti di DevOps che abilitano il rilascio e l’integrazione automatizzata e continua del software. Tuttavia, un approccio di questo tipo non risulta vantaggioso per i soli progetti tecnologici, ma è potenzialmente applicabile a qualsiasi tipo di iniziativa, a fronte di un cambiamento culturale e organizzativo importante all’interno delle aziende.

 Vai al Webinar

Luca Dozio

Luca Dozio

Ricercatore Osservatori Information Security & Privacy e Cloud Transformation