TUTTI GLI ARTICOLI  >  Cloud Transformation

Multicloud: significato, vantaggi e come gestirlo in azienda

27 agosto 2020 / Di Marina Natalucci / Nessun commento

Oggi i Sistemi Informativi sono caratterizzati da configurazioni di tipo Hybrid e Multi Cloud. Le aziende devono quindi imparare a sfruttare l’eterogeneità di queste tecnologie in modo da percepire il meglio da ognuna e costruire un Cloud sempre più “su misura”.

Governare questa complessità diventa un imperativo per le Direzioni IT, che vanno supportate con strumenti applicativi specifici e potenziate con nuove competenze nel loro ruolo di promotrici della trasformazione.

 

Cosa si intende per Multicloud?

Un ambiente Multicloud è costituito da più servizi Cloud pubblici o privati forniti da diversi provider. In tali ambienti, l’azienda utilizza e coordina servizi di due o più provider per rispondere al meglio alle proprie esigenze economiche, tecniche o funzionali.

Il passo in avanti rispetto ai tradizionali modelli di Cloud è presto detto: un ambiente IT di tipo Multicloud non è caratterizzato dalla semplice coesistenza delle diverse soluzioni ma permette di connetterle e sfruttarle con flessibilità e dinamicità, sfruttando così i benefici delle diverse modalità di funzionamento e delle specifiche offerte dei fornitori.

Oggi il 68% delle imprese italiane utilizza più di un Cloud provider (mediamente 3 provider per azienda), tuttavia soltanto il 24% dichiara di gestire in modo sinergico e integrato servizi Public Cloud di più fornitori, applicando logiche e tools di orchestrazione propriamente Multi Cloud.

Come governare con successo i sistemi Multi Cloud?

VAI AL WEBINAR

 

Le differenze tra Multi Cloud e Hybrid Cloud

Hybrid Cloud e Multi Cloud sono termini ricorrenti e spesso interscambiabili quando si parla di evoluzione e integrazione degli ambienti informativi. Parliamo tuttavia di due approcci strategici concordi ma differenti.

Nel primo caso si intende un ambiente che utilizza Cloud pubblico, privato e soluzioni on-premises, con l’obiettivo di trarre il meglio delle varie modalità di erogazione delle tecnologie a seconda delle esigenze aziendali. Nel secondo caso, come già anticipato, rientrano le situazioni in cui un’azienda utilizza e coordina servizi Public Cloud di due o più provider per rispondere al meglio alle proprie esigenze economiche, tecniche o funzionali.

Nella maggior parte dei casi, la migrazione verso il Cloud viene effettuata gradualmente su un arco temporale di medio-lungo periodo. Per questo motivo, lo scenario ad oggi più comune porta a configurazioni di tipo Hybrid Cloud. Non è un caso che, secondo una recente indagine dell’Osservatorio Cloud Transformation, il 77% delle aziende si avvale di servizi applicativi in Cloud integrati con un insieme di applicazioni aziendali ancora on-premises, ospitate nel proprio data center o affidate a un servizio di data center in outsourcing di tipo tradizionale. Dando per consolidata l’adozione dell’Hybrid Cloud, un ulteriore elemento di evoluzione è rappresentato dal passaggio da una realtà Single Cloud a una realtà Multi Cloud, basata sull’integrazione e il coordinamento di servizi Public Cloud di due o più provider. In sostanza, il Cloud non sarebbe più relegato a una porzione limitata e poco rilevante del portafoglio applicativo aziendale, ma si spingerebbe sempre più verso il core business dell’impresa, fino a oggi custodito all’interno del data center on-premises. La via tecnologica per l’adozione della nuvola è dunque ormai tracciata in modo chiaro: Hybrid e Multi Cloud sono l’obiettivo a cui tendere.

 

I vantaggi dell'Hybrid e Multi Cloud

Per comprendere esattamente il significato e l’importanza del Multicloud è bene soffermarsi sui benefici e le opportunità offerti da queste soluzioni alle Direzioni IT. I principali vantaggi ricercati dalle aziende nell’evoluzione verso ambienti Hybrid e Multi Cloud sono i seguenti:

  • la maggiore continuità del servizio;
  • la maggiore scalabilità dei sistemi;
  • il minore rischio di lock-in da parte del Cloud provider;
  • l’ottimizzazione del costo complessivo del sistema;
  • l’ottenimento di migliori funzionalità a supporto dei processi;
  • la possibilità di mantenere i carichi di lavoro più critici internamente, portando in Cloud esclusivamente componenti secondarie;
  • la possibilità di erogare in modo più efficiente i servizi in aree geografiche diverse a livello internazionale.

L’Hybrid e Multi Cloud apre dunque a una nuova fase di maturità nell’adozione della nuvola. La priorità principale non è più esternalizzare, ma ottenere specifici vantaggi di tipo economico, tecnico e funzionale.

 

Come gestire il Multicloud in azienda: un percorso "Multichallenge"

Il viaggio verso l’Hybrid e Multi Cloud delle imprese italiane è costellato di sfide, non soltanto tecnologiche, ma anche economiche e organizzative.

Gli ingredienti in gioco sono molti e non sempre semplici da coniugare in modo efficace: dalla moltitudine di servizi disponibili in Cloud alle applicazioni storiche dell’azienda. Gli ostacoli più significativi percepiti nell’evoluzione verso questa tipologia di ambienti sono:

  • la complessa gestione della sicurezza;
  • la difficoltà di gestione e ottimizzazione dei costi;
  • la mancanza di piena interoperabilità tra le offerte dei grandi Cloud provider;
  • la persistenza dei sistemi legacy;
  • la perdita di controllo e visibilità sulle risorse.

Parola d'ordine "orchestrazione"

Principalmente si tratta quindi di temi legati alla capacità di gestire ambienti così eterogenei e complessi in modo centralizzato, efficace e coerente.

Qui entra in gioco il tema dell’orchestrazione, ovvero l’utilizzo di strumenti software per il coordinamento dei diversi mondi compresenti all’interno dei sistemi informativi aziendali, l’on-premises, il Private e il Public Cloud.

Sono quattro fondamentalmente le leve per l’orchestrazione dei sistemi:

  • l’Automation, ovvero la gestione centralizzata e automatizzata degli ambienti;
  • l’Integration, con riferimento alla loro interconnessione;
  • la Security, ovvero la gestione continua della sicurezza dei sistemi;
  • la Governance, cioè il governo e l’ottimizzazione delle prestazioni e dei costi degli stessi.

Si tratta di un tema chiave nel rendere l’architettura IT flessibile e dinamica a tal punto da diventare quasi trasparente rispetto all’utente finale, che potrà usufruire di tecnologie pienamente rispondenti alle proprie esigenze, indipendentemente dalle modalità di erogazione sottostanti.

Vuoi approfondire il modello di gestione e orchestrazione di Hybrid e Multi Cloud?

GUARDA IL VIDEO

Marina Natalucci

Marina Natalucci

Ricercatrice dell'Osservatorio Cloud Transformation