Contract Logistics

Le acquisizioni nel mercato della logistica conto terzi

11 gennaio 2017 / Di Damiano Frosi / Nessun commento

L'operazione BRT - La Poste dimostra che il mercato è attrattivo per gli investitori. La notizia dell’acquisizione di una quota del gruppo BRT da parte di La Poste ha suscitato clamore nel mondo della logistica e non solo. Si tratta infatti del principale player per fatturato nel mercato della logistica in Italia (oltre 1 miliardo di euro), un'azienda italiana che, insieme a SDA (Poste Italiane), “difende” il tricolore in un mercato piuttosto concentrato di corrieri, in cui operano principalmente operatori esteri come DHL, GLS, UPS, Fedex, ecc. Ma questa è soltanto l’ultima di tante operazioni importanti nel settore (e di altrettante voci) del 2016, a cui stanno puntando anche i fondi di investimento. Si pensi all’operazione Atlante Private Equity-Trasporti Romagna, in cui il controllo dell’azienda veneta a conduzione familiare (con un fatturato di oltre 110 milioni di euro) è passato a Imi Fondi Chiusi e alla francese Unigrains, con l’obiettivo di rafforzare dal punto di vista manageriale e far crescere ancora di più questa realtà, sia in modo organico sia con altre operazioni esterne. Oppure all’operazione IGI-Bracchi, in cui il fondo ha comprato il 64% del capitale dell’azienda bergamasca (con un fatturato di oltre 80 milioni di euro) e anche in questo caso l’intento è quello di sostenerne il piano di ulteriore espansione e di crescita, in particolare a livello internazionale. Perché tutte queste acquisizioni? Le principali motivazioni sono tre.

Innanzitutto, perché il grado di terziarizzazione continua a crescere. È vero che i margini del settore non sono invidiabili (i principali player hanno mediamente un EBITDA/Fatturato intorno al 4%), ma il mercato della logistica conto terzi continua a crescere e si dimostra attrattivo: si parla di 43,5 miliardi di euro di logistica in outsourcing, con un incremento di 4 miliardi negli ultimi 5 anni. Inoltre solo il 40% della logistica è terziarizzata: il mercato potenziale è ancora vasto, basti pensare che il valore totale della logistica in Italia (in-house e outsourcing) è stimato intorno ai 110 miliardi di euro.

In secondo luogo, il mercato è molto frammentato. Le aziende operanti nella logistica conto terzi sono ben 97.000 e la dimensione media delle aziende è nettamente inferiore rispetto a quella di altri Paesi. Dal punto di vista economico/finanziario è semplice per i grandi Gruppi stranieri entrare nel nostro Paese tramite acquisizioni e per le aziende già operanti in Italia effettuare fusioni ed acquisizioni per ampliare la propria quota di mercato.

La terza ragione risiede nel fatto che le esigenze di aziende committenti e consumatori (in generale le esigenze della domanda) stanno cambiando velocemente. L’eCommerce cresce a doppia cifra e porta nuovi attori e modelli nel mondo della logistica; diverse aziende committenti (soprattutto retailer) rivedono le logiche di approvvigionamento dei punti vendita, avvicinando anche il mondo B2b a un modello di logistica “a pezzi”; la distribuzione “Green” nei centri urbani diventa un requisito fondamentale. Queste dinamiche stanno portando diversi operatori logistici a modificare la propria strategia e il proprio portfolio di servizi offerti e, in alcuni casi, il modo più rapido per seguire questi cambiamenti è realizzare acquisizioni/fusioni/partnership con altri attori logistici aventi competenze e asset adeguati.

 

Guarda il video

Damiano Frosi

Damiano Frosi

È laureato in Ingegneria Gestionale, indirizzo Operations & Supply Chain Management, presso il Politecnico di Milano. Ha frequentato nel 2011 un corso post-universitario in Logistica Distributiva e conseguito nel 2016 il Master in Management presso il MIP – la Business School del Politecnico di Milano. Dal 2008 collabora con gli Osservatori Digital Innovation del Politecnico di Milano ed è attualmente responsabile dello sviluppo delle relazioni con le aziende. Dalla fine del 2010 si occupa di Ricerca e Advisory nell'area Logistica, Operations & Supply Chain Management ed è Direttore dell’Osservatorio Contract Logistics “Gino Marchet”. Nel 2016 ha avviato un Osservatorio sul tema Smart AgriFood.