TUTTI GLI ARTICOLI  >  Design Thinking

Creative Confidence: essere innovativi grazie al Design Thinking

24 ottobre 2018 / Di Claudio Dell'Era / Nessun commento

Creative Confidence, ovvero: coinvolgere le persone per dare loro maggiore confidenza con i processi creativi. Anche in questo caso parliamo di Design Thinking, il modello innovativo che, miscelando analisi e intuito, sta rivoluzionando le imprese.

Il Creative Confidence, in sostanza, è un'interpretazione molto diffusa del Design Thinking. Un approccio che ha un’ambizione abbastanza chiara: quella di stimolare imprenditorialità all’interno delle organizzazioni.

 

Le basi del modello Creative Confidence

Il paradigma del Design Thinking, con questo approccio, viene valorizzato nella sua abilità di creare confidenza con i processi creativi e innovativi che contraddistinguono l’innovazione. Del resto, oggi, è sempre più frequente fra le aziende la necessità di trovare nuove strade per l’innovazione e di trasmettere ai propri dipendenti il senso e la volontà di innovare. Ecco: l’approccio Creative Confidence ha proprio il crisma per porsi come strumento capace di aiutare le aziende a raggiungere questi obiettivi.

Come? Stimolando, ad esempio, attitudini alla base del Design Thinking. Dall’empatia, alla tolleranza al rischio ed al fallimento, fino alla capacità di gestire l’ambiguità e l’incertezza. Il Creative Confidence, insomma, crea all’interno delle organizzazioni i presupposti perché possano essere innovative e inclini al cambiamento.

 

La diffusione del Creative Confidence

C’è da dire che rispetto ad altre tipologie Design Thinking (basti pensare agli approcci Sprint Execution e Creative Problem Solving) il Creative Confidence è meno diffuso. Questo perché si tratta di un modello ancora in fase embrionale. Questo approccio è adottato soprattutto dai consulenti strategici (54%), seguiti dagli studi di design(35%) e dagli sviluppatori tecnologici (27%), mentre non è presente fra le agenzie digitali.

La minore diffusione di questo modello si riflette anche nel suo peso sui risultati finanziari delle imprese: i servizi basati su questo approccio valgono il 35% del fatturato annuale, di cui il 54,3% concentrato nell’ambito People (30,6% organizzazione e processi e 23,7% cultura aziendale), il 26,3% nell’ambito Solution (di cui il 16,2% nei servizi) e il 19,4% nell’ambito Direction (in cui spicca il 12,7% per il business model).

Vai al Webinar

Claudio Dell'Era

Claudio Dell'Era

Professore Associato presso la School of Management del Politecnico di Milano e co-fondatore di LEADIN'Lab, Laboratorio di LEAdership, Design and Innovation. Gli interessi di ricerca di Claudio Dell'Era si concentrano sui temi Design Thinking e Design-Driven Innovation. Ha pubblicato più di 50 articoli scientifici in riviste internazionali come Journal of Product Innovation Management, Long Range Planning, R&D Management, International Journal of Operations & Production Management, Industry & Innovation, International Journal of Innovation Management.

Tema:  Design Thinking