TUTTI GLI ARTICOLI  >  Smart Car & Connected Car Opinioni

Connected Car: produttori auto davanti a un bivio

11 settembre 2019 / Di Giulio Salvadori / Nessun commento

La convergenza tra il settore auto e quello hi-tech procede spedita, e sembra che sia quest’ultimo a dettare il passo. Infatti, nonostante da ormai diversi anni i produttori di automobili siano riluttanti a condividere lo spazio dei loro cruscotti con Google, Apple e altre società tecnologiche della Silicon Valley, principalmente per il timore di perdere il controllo di dati e di vedere i loro brand eclissati dai marchi hi-tech statunitensi, questa barriera sembra pian piano sgretolarsi davanti alle evidenze del mercato. E i consumatori in primis stanno costringendo le case automobilistiche a cambiare marcia.

 

I big dell'hi-tech a servizio dell'auto connessa

Il collegamento di smartphone e app alle auto e la possibilità di interagire, a bordo, con gli assistenti vocali integrati, sta divenendo sempre più una necessità per gli utenti, che desiderano avere un’esperienza quanto più semplice e fluida, con la possibilità di utilizzare la voce per impartire comandi o chiedere consigli nel modo più naturale possibile. E oggi tutto questo è realtà grazie all’integrazione delle funzionalità dell’auto con i sistemi operativi offerti da grandi Over-The-Top (OTT) come Google, Apple e Amazon.

Non a caso, iniziano a proliferare le partnership tra produttori auto e big tecnologici. L’ultima, in ordine cronologico, è quella tra General Motors e Google per lo sviluppo congiunto dei sistemi di infotainment del futuro. La casa automobilistica ha annunciato che utilizzerà la tecnologia Google integrata per i sistemi di navigazione (Map), i comandi vocali (Assistant) e le altre funzioni di infotainment dei suoi veicoli a partire dal 2021. Per Google si tratta della quarta grande partnership di questo tipo, dopo quelle con FCA, Renault-Nissan-Mitsubishi e Volvo.

Ma questo rappresenta solo l’ultimo esempio di una serie di alleanze e grandi manovre in atto, messe in campo dai big dell’hi-tech: altri casi di partnership sono, ad esempio, quelli tra Ford e Amazon, Volkswagen e Microsoft, Porsche e Apple.

 

Connected Car: rischi e opportunità per i produttori

Tutto questo porterà i produttori di automobili a giocare un ruolo di secondo piano sul mercato? Dare una risposta categorica è sicuramente azzardato. Il rischio, sul lungo termine, è sicuramente quello di presidiare solo la componente hardware di questo business, con tutta la parte di app, dati e servizi saldamente in mano agli OTT, come è successo anche ai produttori di telefoni che hanno contribuito alla diffusione mondiale del mobile per poi trovarsi esclusi dai ricavi delle app e della pubblicità.

Ma sarà importante capire anche quali sono gli accordi presi all’interno di queste partnership. Ad esempio, nel caso dell’accordo fra General Motors e Google, il colosso di Mountain View non avrà accesso ai dati sullo stile di guida degli utenti o sui parametri di funzionamento deI veicoli per comprenderne le esigenze di manutenzione. E questo è un punto molto rilevante a vantaggio della casa automobilistica, se si pensa a tutti i possibili servizi abilitati dalla connettività che potranno essere offerti dai produttori come differenziale competitivo. Un dettaglio non di poco conto, in un mercato ormai molto maturo come quello dell’auto.

New call-to-action

Giulio Salvadori

Giulio Salvadori

Direttore dell'Osservatorio Internet of Things e dell'Osservatorio Smart Car & Connected Car del Politecnico di Milano