TUTTI GLI ARTICOLI  >  eCommerce B2b

eProcurement: cos'è e come funziona tra privati

11 novembre 2018 / Di Paola Olivares / Nessun commento

L'eProcurement (Electronic Procurement) è un "ambito" essenziale nel più ampio tema di eCommerce B2b, inteso come il ripensamento in chiave digitale del modo in cui un’organizzazione funziona e si relaziona con i partner di business.

 

Dal Business to business all'eProcurement

Il percorso di trasformazione digitale, d'altronde, è una leva indispensabile per la competitività del nostro Paese e può portare molteplici benefici alle imprese così come alle Pubbliche Amministrazioni e ai cittadini. In questo fervido scenario, gli strumenti in grado di supportare il commercio elettronico B2b possono essere di due tipi: legati ai processi operativi e collaborativi (strumenti di eSupply Chain Management) oppure legati ai processi transazionali (strumenti di eProcurement). Abbiamo già parlato di eSupply Chain Management in questi due articoli:

In quest'articolo ci sofferveremo invece sul tema dell'eProcurement, soprattutto in funzione delle grandi imprese e delle PMI.

Scarica l'infografica

 

Il significato di eProcurement

Con il termine eProcurement si intende dunque l’insieme degli strumenti digitali a supporto del processo d’acquisto. In un contesto in cui le aziende spendono sempre di più per l’acquisto di beni e servizi, la gestione digitale degli approvvigionamenti può portare grandi benefici in termini di produttività del personale e saving sui prezzi d’acquisto.

Nonostante l’eProcurement sembri non essere oggi una delle priorità di digitalizzazione delle imprese Italiane, rappresenta in molteplici casi, il trampolino di lancio per la digitalizzazione del Ciclo Procure-to-Pay.

 

Come funziona l'eProcurement

L’eProcurement si può suddividere in due processi chiave:

  • eSourcing: comprende tutte le attività che vanno dalla ricerca di nuovi fornitori (scouting) alla loro qualificazione e certificazione, alla fase di negoziazione vera e propria basata su strumenti quali i sistemi di richiesta di proposta/quotazione e l’asta elettronica;
  • eCatalog: inteso come processo di acquisto ricorsivo di un prodotto/servizio di cui è già stato definito un contratto o di cui sono chiare tutte le specifiche di fornitura.

In Italia sono quasi 250 i Portali di eProcurement, attivati quasi sempre da grandi imprese per supportare sia i processi di selezione e qualifica dei fornitori, sia (sempre più) le fasi di negoziazione e acquisto.

I Portali censiti afferiscono ad alcune delle principali filiere a livello italiano: in particolare, il 18% dei Portali censiti appartiene al settore Utility (dove l’utilizzo è strettamente legato a una forte esigenza di trasparenza), il 13% al settore del Largo Consumo (dove la principale esigenza è controllare l’operato di un insieme di partner molto frammentato e favorirne l’integrazione), il 10% al settore Metalmeccanico, l’8% al settore Ingegneria e Costruzioni, l’8% al settore Logistica e Trasporti, il 7% al settore Chimico e Farmaceutico, il 5% al settore Bancario e Assicurativo.

Scarica il Report

Paola Olivares

Paola Olivares

Ricercatrice degli Osservatori Agenda Digitale e Fatturazione Elettronica & eCommerce B2b

Tema:  eCommerce B2b