TUTTI GLI ARTICOLI  >  Design Thinking

Design Thinking nella PA: il caso Designers Italia

12 ottobre 2018 / Di Stefano Magistretti / Nessun commento

Da quando il Design Thinking è entrato con prepotenza nelle dinamiche delle imprese innovative, il suo approccio è oggetto di valutazione anche nelle pubbliche amministrazioni. L’esempio italiano più importante si chiama Designers Italia, ed è un progetto che mira a cambiare i servizi pubblici della PA grazie al Design Thinking.

 

Migliorare i servizi pubblici con il Design Thinking

La piattaforma, basata su logiche open source, nasce per creare un “collante tra tecnologia e persone, zona di contatto tra bit e emozioni”, come scritto dagli ideatori Matteo De Santi e Lorenzo Fabbri. E si pone quattro obiettivi ben definiti:

  • cercare di capire i cittadini nella complessità delle situazioni, dei bisogni e degli stati d’animo in cui vivono;
  • includere il punto di vista delle persone nel processo di progettazione e nelle scelte tecnologiche;
  • lavorare duramente per rendere la tecnologia più semplice, attraverso un processo di miglioramento continuo;
  • aiutare le persone a capire i nuovi strumenti digitali e dare loro modo di familiarizzare con le novità.

 

Un modello di design condiviso per la PA

L’idea, dunque, è quella di rendere l’accesso digitale ai servizi pubblici sempre più a misura di cittadino. E di farlo grazie all’aiuto dei Designer, ai quali viene fornito il cosiddetto UI kit della PA, cioè i componenti di interfaccia necessari per realizzare prototipi e applicazioni destinate ai cittadini.

Quello che si vuole realizzare con questo progetto è un “design system” della PA. Un modello aperto che, potenzialmente, può sviluppare standard condivisi, tenendo sotto controllo i costi e mirando a livelli qualitativi sempre più elevati, in cui l’asset fondamentale è il dialogo e la partecipazione tra differenti soggetti privati: freelance, piccole software house e agenzie specializzate nel design

Il Design Thinking, dunque, può giocare un ruolo molto interessante per la nuova PA digitale. E forse apre il campo a una nuova sfida, che poi è quella tracciata dai fondatori di Designers Italia: «far sentire i cittadini a proprio agio, fare in modo che la tecnologia sia vissuta come un valido alleato per ottenere certificati, avere informazioni, prenotare una visita o pagare una multa, e non una fonte di frustrazione».

 

Vai al Webinar

Stefano Magistretti

Stefano Magistretti

Ricercatore e dottorando nell’area Design e Innovazione presso il Dipartimento di Management, Economia e Ingegneria Industriale presso il Politecnico di Milano. Le sue aree di ricerca e competenza sono l’innovazione guidata dalla tecnologia e la creazione di innovazioni di significato. Considerando il suo ambito di ricerca anche le metodologie per la gestione dei progetti di innovazioni sono area di interesse per la sua ricerca.

Stefano Magistretti

Latest posts by Stefano Magistretti

Tema:  Design Thinking