TUTTI GLI ARTICOLI  >  Professionisti & Innovazione Digitale

Professionisti, dalla fragilità alla resilienza verso l’antifragilità

28 ottobre 2020 / Di Claudio Rorato / Nessun commento

Professionisti e Innovazione Digitale: ricercare efficienza con la tecnologia non basta più! Occorrono nuovi modelli e nuovi servizi per consentire agli studi professionali di passare dalla fragilità alla resilienza e, da qui, all’antifragilità, trasformando i traumi in opportunità per soddisfare la domanda di mercato che sta cambiando. Come misurare la competitività degli studi? Quali sono i modelli vincenti? Quali leve per migliorare lo studio?

Studi professionali e Innovazione Digitale: numeri, trend, modelli di successo e dati chiave per il 2020 

RIVIVI IL CONVEGNO ON-DEMAND

In quest'articolo riproponiamo alcuni punti salienti dell’evento dell’Osservatorio Professionisti e Innovazione Digitale, giunto alla settima edizione. Il fil rouge dell’evento è la capacità di reagire a momenti di discontinuità come il Covid-19, non solo attraverso l’abilità di adattamento ma anche con azioni volte a cogliere delle opportunità all’interno della discontinuità.

 

Smart Working e Knowledge management: Italia, Francia e Spagna a confronto

Smart working e knowledge management: due leve gestionali importanti ma ancora con delle immaturità applicative. Dal confronto internazionale, l’Italia ne esce bene, nonostante le dimensioni medie più ridotte e una numerosità di studi più elevata. Sorgono spontanee, allora, le domande: Quanto pesa l’inefficienza del nostro sistema (amministrativo, legislativo, fiscale) sulla conclamata arretratezza culturale e operativa dei nostri studi? Quale sarebbe il risultato effettivo al netto di una burocrazia più efficiente?

 

Investimenti e Competitivity Index: la Ricerca e le opinioni dal campo

Cresce l’interesse dei Professionisti per la tecnologia. In 5 anni gli investimenti crescono e nel 2019 la spesa è aumentata del 18%. Cultura digitale in aumento e normative cogenti in chiave digitale spiegano il fenomeno. Occorre dare strumenti gestionali alle categorie professionali e agli studi per capire chi sono, quali sono i loro punti di forze e di debolezza, quali passi e che sforzo devono compiere per migliorare la loro posizione sul mercato. L’Osservatorio ha elaborato il Competitivity Index (CIx) proprio per consentire di rispondere a queste domande e di effettuare delle simulazioni per vedere come cambiano i risultati agendo su una leva o un’altra. Cosa ne pensano i nostri Partner del cambiamento, delle difficoltà incontrate e delle mosse compiute per superarle?

- Avvocati e Grandi Studi:

- Commercialisti e Consulenti del Lavoro:

 

Il futuro

La prossima edizione all’insegna del Change Management. Punteremo sulla riprogettazione della user experience, sull’impiego delle soluzioni di Robot Process Automation e AI, ma anche sui criteri per selezionare i partner per collaborazioni con colleghi e altri soggetti professionali.

Claudio Rorato

Claudio Rorato

Direttore e Responsabile Scientifico dell'Osservatorio Professionisti e Innovazione Digitale