TUTTI GLI ARTICOLI  >  Supply Chain Finance

Dall’anticipo fatture all’anticipo stipendio: il dilemma etico del Supply Chain Finance

13 gennaio 2020 / Di Michela Guida / Nessun commento

L’affitto e le bollette, le spese alimentari e mediche, le scarpe e i libri per uno o due figli. Secondo recenti dati Istat, il 28% delle famiglie italiane ha difficoltà ad arrivare a fine mese e il dato cresce con il numero di componenti in famiglia. Dall’impiegato di cinquant’anni al giovane lavoratore di venticinque, le problematiche non cambiano e a volte avere un lavoro fisso, che non sia il petroliere o l’ereditiera, non è sufficiente per una sopravvivenza serena.

Greensill, leader mondiale nel mercato delle soluzioni di Supply Chain Finance, ha deciso di accogliere la sfida del lavoratore medio.

 

Il servizio per l'anticipo stipendio di Greensill

Il provider finanziario ha annunciato il lancio di un nuovo prodotto: un'applicazione mobile che consente ai dipendenti di accedere al proprio salario on-demand, chiedendo un anticipo dello stipendio su base giornaliera. Il servizio sarà lanciato nel Regno Unito il mese prossimo, con l'intenzione di raggiungere il mercato australiano entro giugno.

In questo modo, Greensill espande il dominio del Supply Chain Finance dal finanziamento delle fatture ai fornitori allo spazio di pagamento dei dipendenti. Questa nuova direzione si è aperta in seguito all'acquisizione, avvenuta lo scorso anno, della società tecnologica londinese FreeUp, la startup che permette ai lavoratori di ricevere il pagamento anticipato dei salari, apparentemente senza alcun costo per il dipendente.

Secondo Lex Greensill, CEO di Greensill, tutti i lavoratori sono essenzialmente fornitori, prestando ai loro datori di lavoro il loro tempo e le loro competenze, per cui non c'è alcuna differenza tra il pagamento anticipato della fattura e il pagamento anticipato dello stipendio.

Così, sarà possibile chiedere una mensilità in anticipo per tamponare piccole emergenze familiari: il frigorifero rotto da sostituire, la manutenzione straordinaria dell’auto e la tassa di immatricolazione del primo figlio all’università. Il nuovo servizio di Greensill permetterà dunque di erogare liquidità ai dipendenti in periodi di carenza, per supportare la gestione del “capitale circolante familiare”.

 

Benefici e rischi dell'anticipo stipendio

I benefici del Supply Chain Finance applicati al pagamento dei dipendenti sono evidenti, sebbene non siano ancora del tutto chiare le modalità di erogazione dei micro-crediti. Il servizio potrebbe essere inteso come un benefit aziendale offerto ai dipendenti, e in quanto tale i costi dovrebbero essere in capo al datore di lavoro e misurati su un certo tasso di rischio relativo al lavoratore supportato. Come avviene nel caso del finanziamento dei fornitori, i lavoratori dovrebbero essere valutati. Informazioni importanti potrebbero essere il numero di elementi nel nucleo famigliare, lo storico degli anticipi richiesti in passato e i dati bancari relativi al conto corrente, giovando anche della maggiore apertura resa possibile dalla PSD2.

Il nuovo strumento offerto da Greensill permette l’anticipo veloce dello stipendio via app, ma cosa succede se la facilità di accesso a queste risorse finanziarie genera comportamenti negativi nel dipendente?

Il servizio potrebbe stimolare comportamenti scorretti e addirittura dannosi in altri casi. Il lavoratore medio, tranquillizzato dalla certezza dell’anticipo, potrebbe eccedere in spese non del tutto necessarie e superiori a quanto possa effettivamente permettersi e le difficoltà economiche di oggi verrebbero rimandate e amplificate nel futuro. Inconsapevolmente, il datore di lavoro darebbe un incentivo a comportamenti negativi, dannosi per il lavoratore e per l’impresa.

L’anticipo dello stipendio potrebbe essere richiesto per una bolletta alta o per un viaggio durante le ferie, ma la facilità di accesso al credito potrebbe anche portare a spese discutibili. Senza un controllo diretto da parte del datore di lavoro, i rischi dell’anticipo degli stipendi sono notevoli. Potrebbe, però, un’impresa controllare in che modo i propri dipendenti spendono lo stipendio? È interessante vedere come strumenti tradizionalmente rivolti al mondo B2B si aprano a servizi innovativi come questo, rivolto al supporto finanziario dei dipendenti. Rimangono comunque molti punti aperti e sarà sicuramente utile monitorare gli sviluppi della soluzione e i suoi effettivi ambiti di applicazione.

Inizia il percorso

Michela Guida

Michela Guida

Ricercatrice dell'Osservatorio Supply Chain Finance