Pagamenti con carta in Europa: Italia in terzultima posizione

23 September 2021 / Di Ivano Asaro / 0 Comments

Secondo i dati pubblicati recentemente dalla Banca Centrale Europea, nel 2020 i pagamenti con carta nell’Unione Europea hanno visto una notevole crescita. Durante lo scorso anno sono state effettuate, infatti, 65,2 miliardi di transazioni totali, pari a 145,8 transazioni pro capite (+2,8% rispetto al 2019), per un totale di 2.400 miliardi € transati e circa 5.360 € transati pro capite (in linea rispetto al 2019). Sono numeri in crescita, quindi, nonostante la crisi sanitaria che ha colpito i Paesi dell’Unione abbia causato una contrazione dei consumi stimata da Eurostat a -7,0%.

 

Primato scandinavo

Entrando maggiormente nel dettaglio, si conferma la posizione avanzata dei Paesi nel nord dell’Unione che, anche nel 2020, occupano il podio per numero di transazioni con carta pro capite, con valori ben al di sopra della media europea. Nelle prime tre posizioni si trovano infatti Danimarca (379,6 transazioni pro capite), Finlandia (347,8 transazioni pro capite) e Svezia (328,3 transazioni pro capite).

 

Italia in ritardo rispetto alla media europea

E l’Italia? Il nostro Paese, in linea con il resto dell’Unione, ha registrato un aumento delle transazioni con carta pro capite del +3,7%, raggiungendo 80,7 transazioni per un totale di poco più di 4.200 € pro capite spesi con carte di pagamento. Se confrontata alle top performer (Danimarca, Finlandia e Svezia), ma anche solo rispetto alla media europea, l’Italia ha un elevatissimo divario da colmare. Inoltre, ha perso un’altra posizione in favore della Germania, classificandosi 25° (su 27) nella classifica per numero di transazioni con carta pro capite. La Germania, complice anche l’effetto pandemia che ha portato più persone ad acquistare online, ha infatti registrato una crescita del +19,1%, raggiungendo 90,7 transazioni con carta pro capite nel 2020 (nel 2019 erano “solo” 76,20), crescita che vale appunto il 24° posto e il sorpasso sull’Italia. Dietro l’Italia rimangono Romania (52,6 transazioni pro capite) e Bulgaria (32,3 transazioni pro capite), che però continuano a registrare tassi di crescita elevati, rispettivamente +21,1% e +7,3%.

Particolarmente interessanti risultano le performance registrate dalla Grecia: i cittadini hanno utilizzato le carte in media 107,6 volte nel corso del 2020, con una crescita del +39,8%, raggiungendo così il 20° posto in classifica e guadagnando 3 posizioni rispetto al 2019.

La crescita del numero di pagamenti con carta in Italia è sicuramente un segnale positivo, soprattutto a fronte della crisi sanitaria che ha comportato un crollo dei consumi (-11,8% secondo Eurostat, addirittura -13% secondo Confcommercio), e indica un aumento della penetrazione delle carte nelle spese per consumi da parte degli italiani. Nel 2020 i pagamenti con carta in Italia hanno infatti subito un calo di “solo” -0,7%, arrivando a pesare il 33% dei consumi degli Italiani, trainati soprattutto dai pagamenti con carta contactless (+29%) e tramite smartphone o wearable (+55%). (Stime dell'Osservatorio Innovative Payments).

Tuttavia, il ritardo nei confronti degli altri Paesi europei rimane e, anzi, peggiora di anno in anno, rendendo così meno soddisfacenti i progressi registrati. L’impressione è però che il 2020 possa essere stato un anno importante, quasi spartiacque, per i pagamenti digitali in Italia: molti italiani si sono trovati a comprare online per la prima volta e a utilizzare molto più spesso la carta rispetto al passato, complice la situazione sanitaria. E il passato dice che la maggior parte dei consumatori che utilizza questi strumenti per un certo periodo di tempo, poi continua a farlo anche in futuro.

I primi mesi del 2021 sono stati inoltre contraddistinti dalle iniziative di incentivo come il Cashback e la Lotteria degli Scontrini, che certamente hanno avuto l’effetto di aumentare la frequenza dei pagamenti e abbassare gli scontrini medi. La speranza, per chi crede negli effetti positivi dei pagamenti elettronici, è che i prossimi mesi confermino questa accelerata e che la modernizzazione del nostro Paese, dei servizi e della Pubblica Amministrazione segua di pari passo questo trend. Così da crescere, per la prima volta, a ritmi più alti di chi ci sta davanti.


Ivano Asaro, Valeria Portale e Giulia Spinelli

Il mondo dei pagamenti digitali evolve!
Quali sono i trend e le tecnologie da conoscere?

Inizia il Percorso

Direttore dell'Osservatorio Innovative Payments