Il Digital Audio in numeri: mercato, filiera e consumatori

Scarica il report gratuito

Audio Digitale: dentro il "mercato del suono"

Il mondo dei contenuti digitali è in rapida e continua evoluzione, merito delle nuove scelte dei consumatori e di una rinnovata offerta da parte dagli Over The Top del settore. In questo ambito emerge il formato Digital Audio, che racchiude tutti quei contenuti audio fruibili tramite dispositivi connessi alla rete quali smartphone, PC, Smart TV, Smart Speaker e Connected Car.

Il Digital Audio, inteso dunque come formato di fruizione digitale, sfrutta le peculiarità del linguaggio e risulta perciò di immediata comprensione per gli utenti. Inoltre, a differenza di altri contenuti, non richiede attenzione esclusiva ed è fruibile anche on-the-go, essendo facilmente adattabile a qualsiasi dispositivo. In questa guida analizzeremo l'universo del Digital Audio, soffermandoci sulle modalità di realizzazione e distribuzione dei principali formati (podcast e musica in streaming su tutti) e le prospettive di mercato.

Questa definizione di Audio Digitale si inserisce in un più ampio universo di contenuti digitali a cui appartengono anche il settore del Video Entertainment, dell’Informazione e del Gaming. Nel corso della guida, tracceremo i confini del mercato Audio all'interno di questo vasto ecosistema. Ad aiutarci nell'impresa, i dati dell'Osservatorio Digital Content, che da anni si pone l'obiettivo di analizzare e comprendere le dimensioni e le direttrici d’innovazione di questi mercati e scoprire come i consumatori italiani fruiscono dei contenuti digitali.


Vuoi restare sempre aggiornato sul mondo dei contenuti digitali?

Iscriviti alla Newsletter

I formati del Digital Audio

Lo studio dei contenuti digitali audio si concentra su tre tipologie principali: Musica, Podcast e Audiobook, tre formati distinti, prodotti e commercializzati da industries differenti ma che trovano sempre più punti di incontro nella fase di distribuzione digitale. Al momento questi mercati presentano diversi livelli di maturità: l’industry musicale ha vinto la sfida della digitalizzazione e può definirsi pioniera di questo mondo, mentre podcast e audiolibri stanno vivendo una seconda giovinezza spinti dal tentativo di nuovi modelli di business. In questa sezione della guida analizziamo nel dettaglio caratteristiche, funzionamento e prospettive di mercato di questi tre formati.

audio streaming music

DIGITAL MUSIC

La fruizione digitale di contenuti musicali può avvenire in due modalità: download o streaming. Ad oggi lo streaming è la modalità di fruizione nettamente più diffusa e consente - tramite internet - di fruire di canzoni integrali senza la necessità per l’utente di dover effettuare il download del file. Nel tempo lo streaming, per facilità di fruizione e grazie al potenziamento delle infrastrutture telematiche, è diventato il modello principale di fruizione dei contenuti musicali. Secondo i dati FIMI, nel 2020 in Italia, nel mercato dell’industria musicale la quota derivante dal digitale è pari a circa l’81% dei ricavi complessivi.

Scopri di più sul mondo della Digital Music
audio podcast

PODCAST

I podcast esistono dalla fine degli anni ’90, legati al concetto di download, ma negli ultimi anni stanno vivendo una seconda giovinezza spinti dallo streaming e dalle possibilità di monetizzazione. Da formato alternativo per l’informazione e la comunicazione, a prodotto audio digitale vero e proprio da valorizzare, il podcast sta prendendo sempre più piede anche in Italia: aumenta l’offerta di titoli e il numero delle piattaforme di distribuzione e cresce il numero di consumatori interessati al contenuto; nel corso del 2020 in Italia 1 internet user su 5 ha dichiarato di aver fruito di almeno un podcast.

Scopri di più sul mondo dei Podcast
digital audiobook

AUDIOBOOK

L’audiolibro è la registrazione audio di un libro letto da uno o più speaker oppure da un motore di sintesi vocale. Il contenuto può essere originale oppure la riproduzione di un’opera. Talvolta il contenuto audio può essere addirittura affiancato al contenuto scritto (i cosiddetti Audio e-Book). Gli audiolibri stanno attraversando un momento di forte crescita e diffusione grazie allo sviluppo del digitale e agli investimenti delle piattaforme distributive. Secondo i dati di AIE (Associazione Italiana Editori), nel 2020 le vendite di audiolibri in Italia sono cresciute del +94% raggiungendo quota 17,5 milioni di euro.

Scopri di più sul mondo degli Audiolibri

samuele-fraternali

Il digitale non ha modificato solamente i modelli di distribuzione e fruizione dei contenuti audio ma impatta fortemente anche sulle logiche di produzione e negoziazione tra creator e publisher.

Samuele Fraternali - Direttore dell'Osservatorio Digital Content (Politecnico di Milano)
Ascolta l'intervista su Lavoro e Musica Digitale con il cantante Aiello


Il Digital Audio in Italia: numeri e trend

Il mercato dei contenuti digitali (Audio & Musica, Video, Gaming, Informazione) in Italia, inteso come i ricavi delle piattaforme di distribuzione, è in profonda trasformazione. La pandemia, oltre a generare un’accelerazione dei consumi, ha portato alla modifica nei comportamenti dei consumatori, in termini di canali utilizzati, di tipologie e generi di contenuti, di scelta d’acquisto/sottoscrizione di nuovi servizi.

Il mercato relativo al settore Audio, in particolare, è cresciuto grazie soprattutto ai numeri del formato Digital Music. A fare da traino, come visto nella sezione dedicata, sono le piattaforme di streaming musicale, che, dopo un primo periodo di difficoltà nei mesi di febbraio-marzo 2020, presentano un incremento delle sottoscrizioni di abbonamenti. Da sottolineare tuttavia le difficoltà che l’Industry musicale sta affrontando nel settore degli eventi live e della produzione di nuovi dischi a causa del lockdown e il conseguente distanziamento sociale.

Per quanto riguarda la raccolta pubblicitaria, invece, il 2020 è stato sicuramente un anno da dimenticare. L’advertising digitale ha subito una forte contrazione. Probabilmente l’unico formato in crescita è proprio il Digital Audio advertising, legato soprattutto alle piattaforme musicali, seppure ancora marginale in valori assoluti.

In questa sezione racconteremo nel dettaglio come sta evolvendo lo scenario dei contenuti digitali (non solo Audio) nel nostro Paese attraverso webinar, video e approfondimenti realizzati dagli esperti del settore in Italia.

video contenuti digitali italia

Il mercato B2c dei contenuti digitali in Italia

Guarda il Webinar

digital content mercato

Contenuti Digitali: un mercato che sfiora gli 1,8 miliardi di euro

Leggi l'approfondimento

digital music e covid

L'impatto del Covid-19 sull'industria musicale

Guarda il Webinar

icona-articolo-1

Musica e Covid19: l’opportunità della realtà virtuale per il futuro dell’Industry

Leggi l'approfondimento


Non solo Audio: i contenuti digitali in numeri

Scarica l'Infografica gratuita

Digital Audio Advertising

Grazie alle sue caratteristiche l’audio digitale raggiunge un pubblico sempre più ampio, costituendo una valida opportunità per il settore pubblicitario. Infatti, vedendo nell’audio la possibilità di veicolare messaggi pubblicitari targetizzati e personalizzati senza interferire con l’esperienza dell’utente, sempre più aziende sono interessate all’Audio Advertising e investono nell’acquisto di spazi pubblicitari all’interno di flussi audio. Benché questo nuovo mercato sia ancora agli inizi, i presupposti rivelano indicano che ha grandi possibilità di crescita.
Per approfondire: Il mercato e i formati dell'Audio Advertising

I formati Digital Audio, veicolati tramite Web Radio, On Demand Music Streaming o Podcast, includono quattro tipologie di advertising: Recorded Spot, Citazioni, Branded Channel o Playlist, Branded Podcast. Fra questi, solo i primi due sono considerati formati di Digital Audio Advertising.

audio digita adv

1. RECORDED SPOT

Si tratta di comunicati audio preregistrati inseribile prima, durante o alla fine dell’esperienza d’ascolto; possono includere un elemento cliccabile sullo schermo detto companion banner.

2. CITAZIONI

Tipici dei podcast, questi comunicati audio “nativi” vengono letti dal conduttore per promuovere un prodotto/servizio.

3. BRANDED CHANNEL/PLAYLIST

Alcuni editori offrono canali musicali e/o playlist sponsorizzate a vantaggio di un unico inserzionista, includendo il packaging audio e gli elementi visivi della campagna.

4. BRANDED PODCAST

Questi contenuti audio parlati raccontano una storia in linea con i temi e i valori di un brand senza che questo venga necessariamente esplicitato.

icona-penne

Inizia ora il tuo aggiornamento professionale

Digital Content 2021

L’interesse delle aziende attive nella creazione, gestione e distribuzione di contenuti Audio verso le opportunità offerte dalle nuove tecnologie digitali e da nuovi modelli di business è sempre più forte. L'Osservatorio Digital Content del Politecnico di Milano offre un’occasione unica per rimanere aggiornati sulle tematiche chiave del settore Audio e Digital Content: un percorso di Webinar e Workshop che puoi seguire in diretta e/o On Demand .

Inizia subito il Percorso
webinar audio digital