La seconda giovinezza dei podcast (che cresceranno anche in Italia)

11 February 2021 / Di Samuele Fraternali / 0 Comments

Da formato alternativo di comunicazione a contenuto premium da monetizzare con modelli a subscription. È questo il percorso che ha dato una seconda giovinezza ai podcast, attirando l’attenzione di grandi player, dal mondo dell’informazione a quello della musica.

 

Che cos'è il Podcast e perché piace proprio a tutti

Esistente da sempre nell’era digitale e legato principalmente a contenuti radio, il podcast sta ora vivendo un momento di particolare successo. Piace molto ai consumatori che, on-demand e attraverso diversi canali più adatti (dallo smartphone agli smart speaker), possono accedere in piena libertà e autonomia ai contenuti di proprio interesse. Piace alle aziende che con semplicità possono replicare e/o divulgare i loro contenuti. Un trade-off vincente che nel corso degli ultimi anni ha spinto la diffusione del podcast e, di conseguenza, ne ha migliorato la qualità.

Sono tanti i player che hanno puntato gli occhi su questo prodotto, investendo e ultimamente anche abilitando modelli pay per la loro distribuzione e fruizione.

Ad oggi parliamo principalmente di attori statunitensi dove il podcast è altamente diffuso. Negli anni si sono sviluppate piattaforme dedicate come Stitcher, Spreaker, Overcast o Podbean. Ma il crescente successo e le conseguenti opportunità hanno attirato le mira dei grandi player del digitale: da Apple, che già da qualche anno ha sviluppato un’applicazione dedicata, ad Amazon, che ha acquisito Wondery – piattaforma di podcasting – e che ha aggiunto all’interno della sua area dedicata agli audiolibri (Audible) una sezione riservata ai podcast. Senza dimenticare Spotify, che più di recente ha affiancato proprio i podcast ai contenuti musicali.

 

Il mercato italiano del Podcast

L’ingresso nell’arena competitiva di questi ultimi attori è dovuto in particolar modo alle crescenti opportunità di monetizzazione del contenuto anche nelle loro logiche “all-you-can-eat” dei pacchetti ad abbonamento. Amazon e Spotify hanno fin da subito spinto in questa direzione, mentre Apple solo di recente ha annunciato l’intenzione di passare a questo modello.

Si tratta quindi di un mercato interessante e in forte crescita, ma ancora in fase piuttosto embrionale tra i consumatori italiani. Dai dati raccolti in una ricerca congiunta dell’Osservatorio Digital Content e di BVA-Doxa emerge infatti che nel 2020, in Italia, solo 1 internet user su 5 consuma podcast e lo fa dedicando all’ascolto in media circa 20 minuti, dato inferiore rispetto ai 30 minuti dedicati in media ad altre attività, come la visione di contenuti video, l’accesso all’informazioni, l’ascolto di musica o il gioco.

Inoltre, durante la prima ondata della pandemia, il podcast in Italia si è rivelato il contenuto con la minor crescita: solo il 2% del campione intervistato ha dichiarato di averne aumentato il consumo, dato nettamente più basso al confronto dell’incremento registrato dai contenuti video (+40%), dal gaming (+14%) e dalla musica (+12%).

Il podcast, insomma, si sta rivelando sempre più un contenuto interessante e con opportunità di business. E l’esperienza osservata in mercati digitalmente più avanzati ci lascia immaginare un futuro di successo anche nel mercato italiano. Sembra solo questione di tempo.

 

Vuoi approfondire le nuove opportunità di business nel mercato dello streaming e dei contenuti digitali?

Inizia il Percorso

Direttore dell’Osservatorio Digital Content e Senior Advisor dell'Osservatorio eCommerce B2c Netcomm