TUTTI GLI ARTICOLI  >  Cloud Transformation

I vantaggi del Cloud Computing per le aziende

30 gennaio 2019 / Di Luca Dozio / Nessun commento

Da criticità a opportunità: è un po’ questo il percorso che stanno facendo le imprese italiane nei confronti del Cloud. Un approccio più consapevole e maturo, sta portando questa tecnologia ad essere centrale in molti processi aziendali. Le nostre aziende hanno ormai iniziato il percorso verso il Cloud Computing e, anzi, lo hanno reso parte integrante della propria strategia IT, ritenendolo una soluzione preferenziale per la realizzazione di nuovi progetti, se non addirittura una scelta obbligata.

 

Cloud: un alleato per tre aziende su quattro

Secondo i dati dell’Osservatorio Cloud Transformation, il Cloud è visto come un alleato da tre aziende su quattro, che lo ritengono un elemento chiave per introdurre innovazioni, altrimenti troppo onerose da realizzare internamente in termini di tempi, costi e competenze.

Tuttavia, non è solo un tema di innovazione tecnologica ma anche di flessibilità verso il cambiamento: per molte aziende il Cloud permette infatti di incrementare l’agilità. Questo vuol dire garantire uno strato tecnologico che sia sempre aggiornato e al passo con i ritmi del mercato, che supporti al meglio lo sviluppo e il rilascio rapido di nuovi servizi e che permetta di non focalizzarsi sulla gestione tecnico-operativa ma sulle priorità funzionali al business dell’azienda. Infatti, nella maggior parte dei casi il Cloud viene identificato come una leva che permette all’IT di rispondere meglio alle esigenze del business.

È dunque grazie alla Cloud Transformation che l’IT può uscire dalla tradizionale visione che lo rappresenta come un centro di costo per rendersi vero promotore e abilitatore del cambiamento a livello aziendale. Si tratta di un tema che, pur rimanendo nel dominio dell’IT, permea tutta l’organizzazione.

Scarica il Report


Vantaggi e svantaggi del Cloud

Oggi il mondo delle imprese combatte con la necessità di rendersi innovativo e pronto a rispondere ai cambiamenti esterni in contesti di mercato turbolenti, soprattutto dal punto di vista tecnologico. La trasformazione digitale è ormai un imperativo per mantenere la competitività in qualsiasi campo. E il Cloud, viste le premesse, sembra ormai indispensabile.

Ma accanto ai benefici prettamente di business appena visti, ci sono anche altre opportunità. Non mancano, come per ogni innovazione, anche l'altra faccia della medaglia.

Cloud Computing: i benefici percepiti dalle aziende

Flessibilizzazione delle architetture enterprise verso i paradigmi Cloud Native, incremento della scalabilità e delle prestazioni delle applicazioni aziendali, maggiore sicurezza e affidabilità, aumento della qualità delle funzionalità offerte agli utenti in termini di rispondenza alle loro esigenze. La lista dei benefici tangibili percepiti dalle aziende è lunga. Riassumendo: misurabilità, controllabilità, affidabilità dei sistemi, efficacia.

Per quanto concerne l’efficacia, è possibile rilevare un’importante riduzione del time to market della digitalizzazione, derivante dalla possibilità di accedere in maniera più rapida a tecnologie sofisticate. Inoltre, seguendo il passo dell’agilità del fornitore, che rilascia e testa continuamente nuove funzionalità, l’azienda stessa diventa più agile nell’introdurre innovazione tecnologica.

 

Benefici tangibili e intangibili

Facciamo un po' di ordine. Con l'aiuto dell'Osservatorio Cloud Transformation possiamo classificare tutti i vantaggi propri della tecnologia Cloud in due grandi gruppi: tangibili e intangibili.

Tangibili sono tutti quei vantaggi associabili ad un key performance indicator (KPI) e quindi quantificabili attraverso un indicatore, solitamente economico. 

I benefici tangibili possono a loro volta essere suddivisi in efficienza ed efficacia. Nel primo caso sono legati ad una riduzione di costo mentre nel secondo ad un aumento dei ricavi. Tra le principali fonti di risparmio abilitate dal Cloud, vi è sicuramente la variabilizzazione dei costi che permette di trasformare spesa di capitale fisso (Capex) in spesa operativa variabile (Opex), riducendo se non il costo complessivo di fruizione della soluzione, quantomeno l’investimento iniziale.

Al contrario si parla di benefici intangibili qualora questi, seppur rilevanti e percepibili per l’organizzazione, non siano effettivamente riconducibili ad un indicatore e dunque misurabili. Si tratta di benefici spesso sottovalutati e invece molto rilevanti nella valutazione di un progetto Cloud. Esempio più che calzante è l’aumento della soddisfazione degli utenti interni, che possono utilizzare applicazioni e servizi, indipendentemente dal tipo di device e dal luogo da cui viene effettuato l’accesso.

 

Le principali criticità

Ed eccoci al lato dolente della "nuvola". Se da una parte, il processo di maturazione ha portato a una maggiore consapevolezza delle aziende su quelli che sono i benefici del Cloud, dall’altra esistono ancora diverse criticità percepite.

Gestione dei costi

A oggi, il 73% delle imprese ritiene, per esempio, che il Cloud non abiliti necessariamente una riduzione dei costi delle iniziative digitali.

Una buona parte di aziende, infatti, tra le difficoltà percepite nell’utilizzo del Cloud, identifica la gestione del costo complessivo, tenendo conto non solo della fase di realizzazione del progetto ma anche di quella di governo del sistema. Esistono dei costi emergenti da considerare, come quelli della connettività, che utilizzando i sistemi in rete aumentano significativamente.

Con l’evolvere verso Sistemi Informativi Hybrid e Multi Cloud, tenere sotto controllo i costi di un ecosistema così complesso diventa ancora più rilevante e richiede l’adozione di soluzioni che diano una visione omnicomprensiva e centralizzata di tutti i costi collegati.

I limiti tecnici del Cloud

Da un punto di vista più tecnico invece, per alcune aziende l’integrabilità dei servizi Cloud con il Sistema Informativo è una complicazione nel migrare sulla nuvola. Il tema dell’integrazione sta diventando sempre più centrale, soprattutto con la maturazione delle iniziative Cloud che oggi toccano anche sistemi core con impatto diretto sul business dell’azienda. Altra criticità diffusa è la mancanza di competenze: sono ancora tante le aziende che soffrono l’assenza di competenze interne specifiche per la gestione del Cloud, e questo si trasforma in una complicazione nella gestione dell’IT.

 Inizia il Percorso

Luca Dozio

Luca Dozio

Ricercatore Osservatori Information Security & Privacy e Cloud Transformation